rotate-mobile
Cronaca Civita / Piazza del Duomo

Dopo l'approvazione del piano triennale delle opere pubbliche, il Consiglio torna a riunirsi

Domani riprendono i lavori del senato cittadino e tra i banchi di Sala Bellini arrivano due debiti fuori bilancio: uno relativo all’esecuzione di sentenze concernenti il servizio di assistenza per l’autonomia e la comunicazione in favore di alunni con disabilità e un altro pari a circa 38mila euro riguardanti le spese di giustizia per il periodo afferente agli anni 2019, 2020 e 2021

Che la presenza del commissario straordinario Federico Portoghese stia dando un accelerata ai lavori consiliari è un dato. A dimostrarlo è l'approvazione del piano triennale delle opere pubbliche, avvenuta in seconda convocazione dopo che in prima era venuto a mancare il numero legale. Parallelamente sono stati approvati tre emendamenti al programma presentati dall'amministrazione. Il piano ha scongiurato possibili ripercussioni sanzionatorie o parasanzionatorie per la mancata approvazione. Così il Consiglio comunale torna a riunirsi domani per ultimare l'approvazione di questioni urgenti che in tre mesi, complici le implicazioni politiche e non che ha generato l'aumento della Tari, non sono mai state affrontate dal senato cittadino. Il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Castiglione, ha convocato l'Assemblea cittadina nell'aula consiliare di Palazzo degli Elefanti.

L'ordine del giorno, dopo le comunicazioni di presidente e consiglieri e l'approvazione dei verbali delle sedute precedenti, prevede il riconoscimento della legittimità del debito fuori bilancio relativo all’esecuzione di sentenze, come da ordinanze del Tribunale civile di Catania, per il pagamento a diverse famiglie delle spese di giudizio del servizio di assistenza per l’autonomia e la comunicazione in favore di alunni con disabilità frequentanti le scuole dell’infanzia, le scuole primarie e secondarie di primo grado. A seguire, il riconoscimento di debiti fuori bilancio di 38.210,72 euro riguardanti le spese di giustizia derivanti da sentenze emesse dal Giudice di Pace e dal Tribunale, per il periodo afferente agli anni 2019,2020 e 2021.

Gli emendamenti al piano triennale delle opere pubbliche

Sono tre gli emendamenti al piano triennale delle opere pubbliche proposti dall'amministrazione comunale. Due presentati al vaglio del Consiglio dall'assessore ai Lavori pubblici Enrico Trantino e uno a firma del commissario straordinario Federico Portoghese. Ci sono interventi per i quali si varia la fonte di finanziamento e altri in cui si riduce l’importo a vantaggio di altre opere. Complessivamente si parla di un programma di circa 730 milioni di euro. Rispetto all'anno precedente si parla di una riduzione di circa 30 milioni di euro, ma anche di 18 interventi presistenti nell'elenco annuale del precedente programma triennale, non riproposti e non avviati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo l'approvazione del piano triennale delle opere pubbliche, il Consiglio torna a riunirsi

CataniaToday è in caricamento