Archi della Marina, sequestrata area di parcheggio: "Società senza autorizzazioni"

La società, senza essere in possesso di alcun titolo aveva realizzato sbarre di accesso, casotti di vigilanza ed un circuito di video-sorveglianza perimetrale

Militari della Guardia Costiera di Catania sono intervenuti nella giornata odierna per verificare la regolarità di alcune aree in concessione demaniale a soggetti privati  ricadenti all’interno dell’ambito portuale.

I controlli avvenuti sotto il coordinamento dell’Ammiraglio Gaetano Martinez, Direttore Marittimo della Sicilia Orientale, hanno consentito di accertare che all’interno dell’area di parcheggio, attigua agli “Archi della Marina” nel percorso ingresso  porto - piazza Alcalà, era abusivamente esercitata da una società privata l’attività commerciale di “parking”. La società, senza essere in possesso di alcun titolo aveva realizzato sbarre di accesso, casotti di vigilanza ed un circuito di video-sorveglianza perimetrale - senza dare alcuna comunicazione all’utenza.

L’attività commerciale abbondantemente pubblicizzata su siti internet offriva ai clienti oltre a parcheggio ad ore, anche la possibilità di effettuare abbonamenti settimanali e mensili; la medesima ditta pubblicizzava altresì la possibilità di effettuare il servizio di navetta da e per l’aeroporto di Catania escursioni sull’Etna e su richiesta degli interessati che parcheggiavano l’auto anche  il lavaggio dell’autovettura.

I militari della Guardia Costiera hanno pertanto proceduto al sequestro dell’intera area su cui veniva esercitata l’abusiva attività commerciale ed a deferire alla A.G. il responsabile della società di gestione della “Dogana parking Catania srl”.

Da un primo accertamento, sono inoltre emerse irregolarità relative alla mancata corresponsione dei canoni demaniali previsti e proventi in favore di soggetti che avrebbero dato in uso l’area senza corrispondere alcun versamento nè alle casse dell’Erario nè a quelle dell’Autorità Portuale di Catania, Ente che per legge gestisce il patrimonio immobiliare,  le banchine operative e gli spazi commerciali di tutta l’area portuale di Catania.

Ulteriori irregolarità riguarderebbero la totale assenza di qualsivoglia certificazione di competenza di altre autorità amministrative. All’interno della struttura non è neanche stata rinvenuta la presenza di estintori e/o manichette utili da impiegare in caso di incendio e/o emergenza.

In ultimo si è potuto accertare che la società effettuava i maggiori introiti, senza alcuna regola, durante le notte. Come noto infatti l’area portuale di Catania è sempre più interessata da eventi, concerti e serate musicali, all’interno della struttura denominata “Vecchia Dogana”. In tale contesto numerosi avventori che si recavano all’interno del porto trovavano parcheggio nella struttura posta questa mattina  sotto sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con l’imminente stagione estiva e la sempre più consistente “movida in ambito portuale” e nella zona della Playa, la Guardia Costiera intensificherà le operazioni di vigilanza e controllo su tutte le attività commerciali presenti sia in porto che lungo il litorale demaniale marittimo della provincia di Catania, alla scopo di verificare la corretta gestione amministrativa e  l’esistenza delle prescritte autorizzazioni commerciali che ogni soggetto concessionario di spazi demaniali marittimi deve necessariamente esibire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Sparatoria in centro commerciale dopo litigio: un ferito grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento