Bancarotta e sequestro Arka, ecco il sistema creato dal "re delle cliniche private"

L'indagine è partita da alcune segnalazioni alla Finanza etnea fatte da dipendenti ed ex della clinica Arka insospettiti da insoliti movimenti e pratiche aziendali

Aveva costruito un impero basato sulla sanità S.M. Per lui, gli arresti domiciliari. L’indagine è partita da alcune segnalazioni alla Finanza etnea fatte da dipendenti ed ex dipendenti della clinica Arka perchè insospettiti da insoliti movimenti e pratiche aziendali. In pensiero per il futuro delle aziende e di conseguenza del proprio posto di lavoro hanno così fatto scattare le indagini delle Fiamme Gialle che hanno potuto accertare come Salvatore Musumeci, attraverso un giro di società, aveva svuotato la prima causando in poco meno di un anno un buco di 2 milioni di euro.

GUARDA IL VIDEO SUI PARTICOLARI DELL'INCHIESTA

Il sostituto procuratore Fabio Regolo racconta che “M.S. parlando con la moglie, che aveva la funzione di contabile nella società, cercava di emettere fatture false per nascondere l’operazione illegale compiuta”.

CLICCA SU CONTINUA E LEGGI LE INTERCETTAZIONI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento