Trovate e sequestrate armi modificate in casa di un pregiudicato alla Plaja

I carabinieri della Plaja hanno arrestato un 33enne per detenzione illegale di armi clandestine ed alterazione di armi da sparo. Ieri sera hanno fatto irruzione nell’abitazione del pregiudicato, in Contrada Colavolpe

I carabinieri della Plaja hanno arrestato un 33enne per detenzione illegale di armi clandestine ed alterazione di armi da sparo. Ieri sera hanno fatto irruzione nell’abitazione del pregiudicato, in Contrada Colavolpe. Questi, alla vista dei militari, è corso nella camera da letto tirando fuori dall’armadio una pistola e lanciandola maldestramente dalla finestra in un dirupo prospiciente l’immobile.

Recuperata l’arma e perquisita l’intera casa sono riusciti a scovare e sequestrare un revolver marca Mondial modificato mediante saldatura della canna e perforazione del tamburo in cal. 22, con relativo munizionamento, 8 cartucce, un revolver marca Olympic modificato in cal. 38 e la somma in contanti di 3.000 euro, tutte in banconote da 50 euro.

Sono in corso degli approfondimenti investigativi che dovranno stabilire se l’uomo - in questa sorta di casa-laboratorio - modificasse le armi ad uso personale o per conto terzi. Le armi sequestrate saranno inviate al Reparto Investigazioni Scientifiche di Messina per gli opportuni esami tecnico-balistici. L’arrestato, su disposizione del magistrato di turno, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento