Nipoti ereditano arsenale con armi di valore storico, tre indagati

Al dire degli eredi, che hanno esibito anche delle perizie, alcune di queste armi assumono particolare rilievo poiché due di queste, due pistole, sono state utilizzate in un duello che ha determinato il ferimento di Matteo Renato Imbriani

Nei giorni scorsi, i poliziotti del commissariato Borgo-Ognina hanno eseguito controlli straordinari per prevenire e reprimere i reati e le irregolarità in materia di detenzione di armi e munizioni. A seguito della morte di una donna, i nipoti che hanno ereditato una collezione di armi dalla defunta donna, hanno denunciato nei termini di legge la detenzione e le armi sono state lasciate per lungo tempo, all’interno di un’abitazione disabitata in un quartiere ad alta densità di furti in appartamento. I poliziotti, si sono recati presso l’abitazione in questione dove hanno rinvenuto un arsenale, anche con armi di ingente valore storico e artistico.

Al dire degli eredi, che hanno esibito anche delle perizie, alcune di queste armi assumono particolare rilievo poiché due di queste, due pistole, sono state utilizzate in un duello che ha determinato il ferimento di Matteo Renato Imbriani. Un fucile, infatti, è stato individuato quale secondo esemplare esistente a livello mondiale: l’altro è custodito presso un museo americano.

In totale sono state sequestrate penalmente 38 pistole, 20 fucili, 38 armi da punta e taglio e 1456 cartucce. Per tale motivo, i tre eredi sono stati indagati in stato di libertà per i reati di omessa denuncia. Trattandosi di pezzi da museo, previa autorizzazione da parte dell’Autorità giudiziaria, al fine di determinare il valore storico artistico e l’interesse dello Stato in tali reperti, verranno informati gli organi competenti al fine di custodirli e collocarli, eventualmente, nei musei nazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In altra circostanza, il legittimo detentore di 3 fucili e una pistola, è stato indagato in stato di libertà per il reato di omessa custodia in quanto, al momento del controllo, ha dichiarato che le armi gli erano state rubate, senza mai aver sporto denuncia. Infine, un soggetto è stato indagato per avere omesso di dichiarare il nuovo luogo di residenza dove è stata trasferita l’arma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento