Arrestati 2 topi d'auto con 'jammer car': disattivavano i telecomandi delle vetture

Gli agenti li hanno bloccati dopo averli visti a bordo della loro auto aggirarsi tra le auto in sosta nei pressi di piazza Santa Maria di Gesù

Due topi d'auto sono stati arrestati dalla polizia a Catania mentre asportavano un borsello da una vettura in sosta. La loro autovettura era una 'jammer car': vi avevano montato cinque pulsanti collegati ad altrettanti 'jammer' in grado di disattivare il segnale del telecomando con cui si chiude e si apre un'auto. Sono così finiti in manette Salvatore Egitto di 60 anni, e Nunzio Miceli, di 55.

jammer-2

Gli agenti li hanno bloccati dopo averli visti a bordo della loro auto aggirarsi tra le auto in sosta nei pressi di piazza Santa Maria di Gesù. I cinque jammer sono stati scoperti durante un accurato controllo dell'auto dei due scaturito dal fatto che la vittima del furto, un commerciante, convocata dagli agenti per la restituzione del borsello e la formalizzazione della denuncia, si è detta certa di avere chiuso l'auto con il telecomando stato di arresto.

Sono stati posti a disposizione dell'Autorità giudiziaria che disponeva il giudizio per direttissima. Già il 24 gennaio scorso agenti della squadra mobile avevano arrestato una persona alla quale aveva sequestrato sequestrato una 'jammer car' anch'essa con cinque 'jammer'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento