Arrestati mandante ed esecutori dell’omicidio di Maurizio Maccarrone: il movente era passionale

Il movente era da individuarsi nella gelosia che Magro provava nei confronti di Maccarrone, per una presunta relazione con una donna - già individuata dagli investigatori subito dopo l’evento delittuoso - con la quale in passato il Magro aveva avuto, a sua volta, una relazione

La polizia ha arrestato Massimo Di Maria, noto come “u pupiddu”, pregiudicato, in quanto ritenuto responsabile, in concorso con Antonio Magro e Massimo Merlo - già tratti in arresto - dei reati di omicidio aggravato nonchè di detenzione e porto illegali di arma da fuoco. In data 2 dicembre 2016, personale della squadra mobile e del commissariato di Adrano aveva già dato esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa nei confronti di Magro Antonio e Merlo Massimo, ritenuti responsabili, il primo quale mandante ed il secondo quale esecutore materiale dell’omicidio di  Maurizio Maccarrone - avvenuto ad Adrano la mattina del 14 novembre 2014.

Di Maria è stato arrestato come  componente del “commando di fuoco”, nello specifico come conducente dello scooter utilizzato per avvicinare la vittima, raggiunta da Merlo con alcuni colpi d’arma da fuoco. In particolare, alle ore 7.00 circa del 14 novembre 2014, a seguito di segnalazione su linea 113, poliziotti sono intervenuti in via Cassarà dove è stato trovato il cadavere di  Maurizio Maccarrone, di professione impiegato.

In sede di sopralluogo, sono stati rivenuti e sequestrati .5 bossoli cal.7,65. Da una prima ricostruzione del fatto, effettuata grazie alle immagini estrapolate da un impianto di video-sorveglianza installato nei pressi del luogo teatro del fatto di sangue, è stato accertato che Maccarrone, dopo essere uscito dall’abitazione, si era diretto verso la propria autovettura, parcheggiata poco distante, per poi venire affiancato da due individui, entrambi travisati da caschi, che viaggiavano a bordo di uno scooter.

Con il mezzo in movimento il passeggero, MassimoMerlo, esplodeva alcuni colpi all’indirizzo della vittima che si accasciava al suolo; a questo punto il killer, sceso dal mezzo, si avvicinava velocemente alla vittima ed esplodeva, a distanza ravvicinata, ulteriori due colpi alla testa.

Da un’attenta visione del filmato emergeva che il conducente dello scooter era di bassa statura, tanto da avere difficoltà nel manovrare il mezzo nelle concitate fasi del delitto, in specie quelle successive.  Le investigazioni, orientate sin dalle prime battute sulla sfera personale del Maccarrone, facevano emergere il movente passionale del delitto. Il modus operandi dei killer ed il particolare dell’esplosione dei due colpi alla testa - “colpo di grazia” - lasciavano, tuttavia, ritenere che i killer potessero operare nei contesti della locale criminalità organizzata.

Le indagini traevano spunto dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia DI Marco Gaetano, esponente storico del sodalizio degli Scalisi, costituente locale articolazione della famiglia mafiosa Laudani, il quale riscontrava che l’episodio, sebbene riconducibile a movente passionale, era maturato nell’ambito dei gruppi mafiosi operanti nell’area di Paternò, Adrano e Biancavilla, riconducibili ai Laudani cd. “Mussi ‘i ficurinia”.

Ruolo di mandante, quindi, per Magro e quello di esecutori materiali di Di Maria Massimo e Merlo Massimo, tutti operanti nell’area criminale dei Laudani, i primi due nell’ambito del gruppo mafioso Morabito - Rapisarda di Paternò mentre il terzo nel gruppo degli Scalisi di Adrano. Il movente era da individuarsi nella gelosia che Magro provava nei confronti di Maccarrone, per una presunta relazione con una donna - già individuata dagli investigatori subito dopo l’evento delittuoso - con la quale in passato il Magro aveva avuto, a sua volta, una relazione, motivo per il quale dava l’ordine di eliminare il Maccarrone.

Il materiale probatorio raccolto e trasfuso nell’ordinanza già eseguita, forniva ampi riscontri del ruolo di killer di Merlo Massimo il quale, discorrendo con il suo interlocutore in merito all’omicidio in esame, esclamava a voce bassa “…Ci i’ d’arreri …n’aricchi accussì… PUM - imitando un colpo d’arma da fuoco - ….e gridava…gridava … ittava vuci”.

Per quanto concerne, invece, la posizione del Di Maria, nel corso delle attività si registrava una conversazione nella quale il Merlo, in ordine al coinvolgimento del Di Maria quale conducente del mezzo, diceva al suo interlocutore: “…Ma se quello non ci sale nel motorino da quando aveva undici anni… non ce la fa neanche a portarlo… ”.

Le indagini proseguivano anche dopo l’esecuzione della misura cautelare nei confronti di Magro e Merlo, al fine di acquisire ulteriori elementi di riscontro anche nei confronti del terzo responsabile del delitto in esame. Nel corso di un colloquio intercettato in carcere, Merlo, dialogando con il fratello e riferendosi a Di Maria esclamava “…Gli devi dire mio fratello a te ti ha sempre discolpato. Perché anche l’intercettazione che lui ha avuto, che lui dice chi è. Lui ti discolpa, ecco perché non ti hanno fatto il mandato di cattura a te(….) Quindi tu gli devi dire che al 99% tu ta scagghiasti (fonetico), grazie a mio fratello!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La conversazione, unitamente alle risultanze già emerse, quali i contatti telefonici, rilevati dai tabulati, tra Di Maria e Merlo il giorno dell’omicidio, la guida maldestra registrata dalle telecamere e le dichiarazioni del collaboratore consentono di chiudere il cerchio sui soggetti coinvolti nell’omicidio di Maurizio Maccarrone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento