Arrestato corriere calabrese arrivato a Catania con 3 chili di cocaina

Un corriere di droga, Rizieri Cua, 50 anni, trovato in possesso di 3,380 chilogrammi di cocaina, è stato arrestato dalla polizia di Stato di Catania. La sostanza stupefacente era nascosta nell'auto dell'uomo che è stato bloccato da agenti della squadra mobile al suo arrivo, dalla Calabria

La Polizia di Catania ha arrestato Rizieri Cua, 50 anni, con l'accusa di detenzione e trasporto di cocaina. Gli agenti hanno appreso che sarebbe giunto in centro un corriere proveniente dalla Calabria a bordo di una Fiat Panda di colore bianco con un ingente carico di cocaina.

E' stato, quindi, predisposto, sin dalle prime ore del mattino, un mirato servizio di osservazione presso i caselli dell'autostrada A18 ME-CT di Giarre - Acireale e San Gregorio.

Dopo alcune ore, presso il Casello di San Gregorio, è arrivata una Panda, del tipo segnalato, con a bordo l'uomo, successivamente identificato. A seguito della perquisizione eseguita all'interno del mezzo, abilmente occultati nello schienale del sedile anteriore lato guida, sono stati rinvenuti e sequestrati 3 panetti di cocaina per un peso lordo complessivo di 3,380 kg.

La droga del valore di oltre 150.000 euro, avrebbe fruttato, sul mercato etneo una cifra pari a 600 mila euro circa. Cua è stato condotto presso il carcere di Catania "piazza Lanza" a disposizione dell'Autorita' giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento