rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Arrestato il "furbetto" del Tigullio Saggese: truffati 12 Comuni etnei

L'inchiesta è stata avviata dopo le denunce di diversi sindaci nel 2009. Il danno complessivo viene calcolato in circa 1,8 milioni di euro. L'udienza è rinviata al 10 ottobre prossimo

Era già da tempo sotto inchiesta a Catania Giuseppe Saggese., l'imprenditore pugliese di 52 anni, originario di Taranto ma residente a Rapallo (Genova), arrestato ieri nell'ambito di un'inchiesta su Ici riscossa per i Comuni e poi trattenuta nelle casseforti di Tributi Italia.

La notizia era rimasta riservata, e si è appresa solo ora. Per lui e per altri due ex amministratori e rappresentanti legali di Tributi Italia, P.F., di 56 anni, di Benevento, e V.P.M.i, di 64, di Barletta, la Procura catanese ha già chiesto il rinvio a giudizio per peculato ai danni di 12 Comuni etnei.

G.S., in qualità di amministratore di fatto della società  e gli altri due imputati sono stati convocati per l'udienza preliminare davanti al Gip Alessandro Ricciardolo il 10 ottobre prossimo. L'inchiesta è stata avviata dopo le denunce di diversi sindaci nel 2009. Il danno complessivo viene calcolato in circa 1,8 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato il "furbetto" del Tigullio Saggese: truffati 12 Comuni etnei

CataniaToday è in caricamento