Arrestato a Librino latitante a spasso con esponente del clan Cappello

L'uomo annovera pregiudizi penali per furto aggravato, rapina, ricettazione nonché una condanna per tentato omicidio. Al momento dell’arresto, eseguito in viale Librino, era in compagnia di un altro noto pregiudicato, V.A. classe 1960, organicamente inserito nel clan “Cappello”

Ieri gli agenti del Commissariato "Librino" hanno tratto in arresto il pregiudicato catanese C.A., classe 1973, resosi latitante dal mese di aprile scorso, poiché destinatario di un ordine di cattura emesso dal Tribunale di Catania per ricettazione. L'uomo annovera pregiudizi penali per furto aggravato, rapina, ricettazione nonché una condanna per tentato omicidio. Al momento dell’arresto, eseguito in viale Librino, era in compagnia di un altro noto pregiudicato, V.A. classe 1960, organicamente inserito nel clan “Cappello” ed arrestato nell’operazione cosiddetta “Gold King” eseguita dalla Squadra Mobile della Questura di Catania.

V.A. annovera pregiudizi per furto aggravato, ricettazione, associazione a delinquere finalizzata a furti, rapine, associazione a delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti e favoreggiamento personale. Quest'ultimo, inosservante agli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, è stato denunciato in stato di libertà, mentre C.A,è stato condotto presso la casa circondariale di Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento