Arrestato "Marco il danese" per violenza sessuale ai danni di una ragazza

Marco Enzo Lalicata, volto noto del centro storico catanese, conosciuto per l'usanza di camminare circondato da animali è stato fermato

Arrestato dalla polizia Marco Enzo Lalicata. Conosciuto come "Marco, il danese", è un volto noto del centro storico catanese per l'usanza di camminare circondato da papere, capre e maialiE' accusato di lesioni gravissime, violenza sessuale e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Nella fattispecie, intorno alle ore 17, una volante è stata inviata presso la sede della polizia scientifica, dove si era presentata una giovane donna, seminuda, con il volto tumefatto, che raccontava di essere stata appena picchiata e violentata da un giovane di sua conoscenza.

Sul posto giungeva anche il ragazzo, successivamente identificato per Marco Enzo Lalicata, che, alla vista degli agenti, ammetteva ciò che aveva fatto, all’interno di un rudere ubicato lì vicino, con atteggiamento di vanto.

La vittima è stata trasportata, attraverso personale del 118, presso un ospedale cittadino, dove, a seguito di un primo controllo, è stata poi ricoverata per le gravissime lesioni riportate.

Nel frattempo si è proceduto ad effettuare una perquisizione all’interno del rudere dove era stata consumata la violenza, rinvenendo  marijuana, per un peso di circa 7,5 grammi, un bilancio di precisione e dei soldi contanti. Tutto è stato sequestrato.

Per i fatti accertati, Marco "il danese" è stato arrestato e su disposizione del Pubblico Ministero di turno associato presso la Casa circondariale “Piazza Lanza” di Catania in attesa di convalida dinanzi al Gip. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento