Arrestato trafficante di esseri umani: era in vacanza in città

La polizia ha identificato e arrestato il romeno Romeo Daniel Apostu: su di lui pendeva mandato d'arresto europeo

Nel pomeriggio di ieri, la polizia ha eseguito un mandato di arresto europeo, emesso dalle Autorità olandesi nei confronti di un cittadino romeno, Romeo Daniel Apostu (del 1971), responsabile del reato di tratta di persone ai fini dello sfruttamento della prostituzione. In particolare, a seguito di acquisizioni informative, anche di carattere internazionale, gli investigatori della Squadra Mobile – Squadra Catturandi – si sono messi alla ricerca di Romeo Daniel Apostu, in vacanza qui a Catania insieme a due donne. Gli agenti hanno individuto il ricercato proprio nei pressi di una struttura ricettiva ubicata nel centro storico etneo. Quest’ultimo, immediatamente bloccato dai poliziotti della Catturandi, prima che potesse dileguarsi, è stato identificato. L'uomo fa parte di una pericolosa organizzazione criminale di matrice romena dedita allo sfruttamento di giovani connazionali obbligate non solo ad usare documenti falsi e/o contraffatti, ma anche a prostituirsi in Olanda per conto del sodalizio. Espletate le formalità di rito, Romeo Daniel Apostu, che dovrà espiare la pena della reclusione pari nel massimo a 6 anni, è stato associato presso la casa circondariale Piazza Lanza di Catania a disposizione dell’Autrorità giudiziario competente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento