Mafia, in carcere 5 affiliati alla cosca dei Carateddi-Bonaccorsi

Erano legati al boss Alessandro Bonaccorsi, e sono tutti indagati per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga

Grazie agli arresti dei carabinieri di Catania si è chiuso un capitolo del blitz antidroga che nel 2012 portò in carcere 20 personaggi legati al clan mafioso dei Cappello-Carateddi, legati al boss Alessandro Bonaccorsi, tutti indagati per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga.

Per 5 degli affiliati, tra i quali anche la moglie del reggente, Strano Bruna, condannata ad anni 7 e mesi 4 di reclusione, sono arrivate le condanne definitive tradotte in altrettanti ordini di carcerazione emessi dall’Ufficio esecuzioni del Tribunale di Catania. Gli arrestati sono: Bonvegna Concetto Antonino, condannato ad anni 8, mesi 8 e giorni 20 di reclusione, Strano Marco, condannato ad anni 7 e mesi 4 di reclusione, Musumeci Giovanni, condannato ad anni 21, mesi 4 e giorni 25 di reclusione, Bonsignore Maurizio,  condannato ad anni 7 e mesi 4 di reclusione. La donna è stata associata al carcere di Catania Piazza Lanza mentre gli uomini sono stati rinchiusi nel carcere di Catania Bicocca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento