Sgominata banda di rapinatori in trasferta: assalivano banche con taglierini

I carabinieri di Ascoli Piceno, Catania ed Imperia, hanno arrestato 10 indagati, membri di una associazione specializzata in rapine, commesse nel centro-nord Italia

I carabinieri  di Ascoli Piceno, Catania ed Imperia, hanno arrestato 10 indagati, membri di una associazione specializzata in rapine, commesse nel centro-nord Italia. L'ultimo colpo si era concluso con il sequestro di 21 persone lo scorso 27 agosto nella Unicredit di Porto D’Ascoli del Comune di San Benedetto del Tronto, per un bottino di oltre 115.000 euro,

Il particolare modus-operandi dei 3 assalitori, poi riscontrato in altri episodi dai carabinieri nel corso delle indagini, caratterizzato dal sequestro di persona sia degli impiegati che della clientela presente e quella che affluiva, con un controllo certosino dei cellulari e delle chiavi delle auto, dava loro il tempo di muoversi con maggior sicurezza nelle fasi successive.  Ovvero aspettare che i timer delle casseforti e del bancomat si sbloccassero, con un tempo di attesa di oltre un’ora. Le persone erano nel frattempo rinchiuse in un ufficio sotto la minaccia di taglierini.

Le indagini sono partite da un attento sopralluogo con attività tecniche sul posto, proseguite con la visione dei filmati e le testimonianze delle 21 persone sequestrate. Dall’analisi di tutte le informazioni raccolte si è spostata l'attenzione verso un gruppo di giovani pregiudicati tutti della provincia di Catania, alcuni dei quali già con precedenti penali specifici.  L’incrocio delle risultanze di intercettazioni telefoniche e tabulati e quelle strettamente scientifiche legate al sopralluogo (impronte digitali e DNA) ha permesso in un primo step di incastrare i tre autori materiali della rapina a San Benedetto del Tronto.

Nel corso delle indagini si è riuscito ad appurare le responsabilità del gruppo in due tentativi di rapina in danno di altrettanti istituti di credito in Taggia (IM) e Marcon (VE). Le rapine in questi casi non venivano portate a conclusione per difficoltà’ riscontrate dai rapinatori in fase esecutiva. Dopo aver tenuto sotto stretta osservazione per più giorni i movimenti del gruppo malavitoso, il 14 ottobre scorso i militari sono riusciti a sorprendere 4 rapinatori appartenenti al più ampio gruppo già monitorato, mentre stavano metendo a segno una rapina all’interno della Unipol, traendoli in arresto.

Raccolti tutti gli elementi ritenuti importanti per fissare ruoli e responsabilità, è stata avanzata la richiesta di misura cautelare nei confronti di 10 indagati, tutti pregiudicati e catanesi.

Questi i nomi dei membri del commando:

Castelli damiano, nato a Catania il 06/10/1993;

Castelli Salvatore, nato a Catania il 03/04/1995;

Florio Vincenzo, nato a Catania il 18/09/1977; 

Florio Giuseppe nato a Catania il 19/03/1994;

Florio Davide, nato a Catania il 12/12/1987; 

Isaia Ottavio, nato a Catania il 01/07/1972;

Storina Alfio, nato a Giarre (CT) il 19/02/1980;

Catania Emanuel, nato a Catania il 07/06/1990;

Mazzarino Andrea, nato a Giarre (CT) IL 17/10/1987.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento