Arrestato Benedetto Cocimano, elemento di spicco di Cosa Nostra

L'uomo è personaggio noto nel panorama criminale del capoluogo etneo per la lunga militanza tra le fila dell'organizzazione mafiosa Santapaola

Ieri, in tarda serata, è stato arrestato il noto pregiudicato Cocimano Orazio Benedetto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa in data 5.12.2011 dal G.I.P. presso il Tribunale di Catania. L'uomo è ritenuto responsabile di estorsione continuata ed aggravata dalla circostanza di avere agito avvalendosi delle condizioni di assoggettamento e di omertà derivanti dall’appartenenza all’organizzazione mafiosa Santapaola - Ercolano ed al fine di agevolarne le attività illecite.

Il provvedimento restrittivo trae origine dagli esiti dell’ attività di indagine coordinata dalla D.D.A. di Catania e condotta dagli uomini della Sezione Criminalità Organizzata che ha consentito di acquisire univoci e concordanti elementi di responsabilità a carico di Cocimano Benedetto, che aveva costretto il rappresentante di un’impresa edile di questo capoluogo, al pagamento, sin dal 2009, di somme di danaro di importo variabile tra 2.000,00 e 5.000,00 euro.

La vittima è stata individuata grazie ad esiti di attività tecniche ed ha negato agli Agenti della Sezione Criminalità Organizzata di aver subito minacce, ma, a contestazione delle evidenze investigative, ha dovuto ammettere di aver consegnato somme di denaro al Cocimano che gliele aveva richieste con tipiche modalità mafiose.

Al Cocimano è stata, altresì, contestata l’aggravante di avere commesso il fatto nei tre anni successivi al periodo di sottoposizione alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Catania (conclusasi nel novembre 2008).

L'uomo è personaggio noto nel panorama criminale del capoluogo etneo per la lunga militanza tra le fila dell’organizzazione mafiosa Santapaola. Nell’agosto 1996 venne arrestato per tentata estorsione e nel mese di giugno dell’anno successivo nuovamente per estorsione continuata: per entrambi i delitti è stato condannato, con sentenze del Tribunale di Catania di applicazione di pena su richiesta delle parti, divenute irrevocabili.


Il 3 maggio 2000 è stato tratto in arresto da questa Squadra Mobile, nell’ambito dell’operazione “Orione 3”, in esecuzione di o.c.c.c., emessa in data 23.3.2000, perché ritenuto responsabile di associazione per delinquere di tipo mafioso e associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


L’ 11 novembre 2005, con sentenza della Corte di Assise di Appello di Catania, divenuta irrevocabile il 9.7.2007, in riforma della sentenza messa in data 28.6.2004 dalla Corte di Assise di Catania,Cocimano è stato condannato alla pena di anni cinque e mesi sei di reclusione per associazione per delinquere di tipo mafioso.
Cocimano, indicato da diversi collaboratori di giustizia come uomo d’onore, è ritenuto tra gli elementi di spicco di Cosa Nostra catanese per essere il reggente militare della cosca Santapaola-Ercolano e detentore della “cassa degli stipendi” (cioè delle estorsioni) della citata organizzazione mafiosa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento