Rompono una mazza picchiando un uomo: tre arresti a Misterbianco

L'uomo è stato selvaggiamente picchiato, davanti la moglie, con delle mazze da baseball, una delle quali si è spezzata per la violenza dei colpi inflitti

Rubano un'auto e per restituirla chiedono una tangente al proprietario, con la minaccia di distruggerla se non avesse pagato, con la tecnica del 'cavallo di ritorno'. Giombattista Marchese, 43 anni, Pietro Monaco, di 18, e da un 17enne, appartenenti a una famiglia legata alla criminalità organizzata, sono stati arrestati da carabinieri di Misterbianco. Due gli episodi contenuti nelle ordinanza emesse dai Gip su richieste delle Procure competenti per estorsione, ricettazione, minacce e lesioni aggravate. Ai tre è contestata anche una violenza di gruppo nei confronti di un 60enne che il giorno prima li aveva richiamati perché facevano troppo rumore. L'uomo è stato selvaggiamente picchiato, davanti la moglie, con delle mazze da baseball, una delle quali si è spezzata per la violenza dei colpi inflitti, nella zona del 'ponte' di Misterbianco. La vittima, lasciata a terra in una pozza di sangue, è stata medicata per le gravi lesioni riportate nell'ospedale Garibaldi di Catania.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Premiate le 14 migliori pizze della Sicilia orientale

  • Dimentica di inserire il freno a mano, muore schiacciata dalla sua auto

  • Vedono la polizia e scappano a 150 chilometri orari, arrestati

  • Cinque arancini gourmet: le ricette della quinta edizione di Chicchi riso e uva di Sicilia

  • Auto rubate, la polizia scopre centrale di smantellamento: 4 arresti

  • Incidente stradale in tangenziale, auto contro muro: 30enne rimane ferita

Torna su
CataniaToday è in caricamento