I "falchi" della questura sequestrano 19 chili di marijuana

Sequestrati 25 involucri con all’interno marijuana, per un peso complessivo di 19 chili circa, 3 pastiglie di ecstasy ed una bilancia di precisione

La polizia di Stato ha arrestato il pregiudicato catanese Paolo Di Bella, per detenzione illegale di arma da fuoco clandestina e di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I falchi hanno notato una moto con a bordo due soggetti, percorrere le vie del centro, ad elevata velocità, per poi imboccarne una senza uscita. Immediatamente dopo, i due si sono introdotti all’interno di un’abitazione in cui vi era una finestra. La circostanza ha consentito agli agenti di predisporre un breve servizio di osservazione, appurando che all’interno fosse in atto la vendita di droga.

Gli agenti si sono introdotti nell’abitazione e hanno fermato i soggetti all’interno, riconoscendo il pregiudicato Paolo Di Bella. E' stata eseguita un’accurata perquisizione di tutto l’immobile, trovando una pistola clandestina, con relativo caricatore e due cartucce calibro 22 ed un ingente quantitativo di sostanza stupefacente: 25 involucri con all’interno marijuana, per un peso complessivo di 19 chili circa, 3 pastiglie di ecstasy, una bilancia di precisione, materiale per il confezionamento e una somma di denaro ritenuta provento dell’attività illecita. Sono stati identificati anche i due soggetti giunti nell’abitazione, verosimilmente per acquistare dello stupefacente.L'arrestato si trova ora a Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento