Marocchino prende a calci i carabinieri durante un controllo: arrestato

Su di lui pendeva un decreto di espulsione dal territorio italiano emesso dalla Prefettura di Cosenza il 10 febbraio scorso

Un marocchino, fermato dai carabinieri per un controllo a Fiumefreddo, per evitare di essere identificato si è scagliato contro i militari colpendoli con calci e pugni. Dopo una breve colluttazione i militari sono riusciti ad ammanettarlo ed identificarlo, accertando successivamente che su di lui pendeva un decreto di espulsione dal territorio italiano emesso dalla Prefettura di Cosenza il 10 febbraio scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Trattenuto momentaneamente in camera di sicurezza, dopo il giudizio per direttissima è stato raggiunto da un provvedimento cautelare emesso e recluso nel carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento