Arrestati due scafisti dopo lo sbarco di 279 migranti al porto di Catania

I due sono stati individuati quali componenti dell'equipaggio di un'imbarcazione in legno di circa 16 metri su cui viaggiavano i migranti

Dopo l'ennesimo sbarco di migranti al porto di Catania avvenuto ieri, polizia, finanza e guardia costiera hanno posto in stato di fermo 2 magrebini accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sono approdati in 279 il 4 agosto mattina a bordo della nave Dattilo della capitaneria.

IL VIDEO

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due sono stati individuati quali componenti dell’equipaggio di un’imbarcazione in legno di circa 16 metri su cui viaggiavano i migranti, soccorsi nella giornata del 2 agosto, in acque internazionali, dalla nave della marina militare italiana “Aviere” e dal mercantile “Lady Hayat” battente bandiera maltese e successivamente trasbordati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento