Sequestrati 70 chili di marijuana a Belpasso: quattro arresti

Vedendosi in trappola, i quattro hanno tentato la fuga senza successo. Azione soffocata sul nascere dai militari che, dopo una violenta colluttazione, sono comunque riusciti a bloccarli ed ammanettarli

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò hanno arrestato nella flagranza i paternesi Rosario Cucchiara di 55 anni , già affiliato al clan “Morabito-Rapisarda” attivo nel territorio paternese e considerato articolazione della famiglia mafiosa dei “Laudani”. Stesso provvedimento adottato per il 36enne Salvatore Massara, Antonino Maurici di 45 anni e Angelo Spatola di 44 anni. Sono tutti ritenuti responsabili di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. I carabinieri impegnati in un controllo del territorio, hanno notato degli strani movimenti nei pressi di un fondo agricolo di contrada Pulici, nel comune di Belpasso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Organizzato in pochissimo tempo un servizio di osservazione, mentre si provvedeva a circondare l’intera zona, i militari hanno individuato un casolare dove gli arrestati nascondevano della marijuana già essiccata che, prelevata, passava alla lavorazione su un tavolo all'aperto. I militari hanno fatto irruzione nella proprietà proprio mentre il quartetto era intento alla lavorazione della sostanza stupefacente. Vedendosi in trappola, hanno tentato la fuga senza successo. Azione soffocata sul nascere dai militari che, dopo una violenta colluttazione, sono comunque riusciti a bloccarli ed ammanettarli. Complessivamente sono stati sequestrati 70 chili di marijuana, nonché tutta l’attrezzatura utile alla lavorazione e confezionamento della droga. Per la provenienza geografica dei personaggi e il “lignaggio” di uno degli arrestati, la marijuana era probabilmente destinata al mercato al dettaglio del circondario paternese con considerevoli introiti per le casse del clan. Gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati associati nelle carceri di Siracusa e Gela.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento