Rumena di 16 anni avviata alla prostituzione da due suoi connazionali

Era costretta a prostituirsi, contro la sua volontà, per restituire i soldi anticipati dai suoi connazionali per il viaggio in Italia

Una rumena di 33 anni è stata arrestata dalla polizia che ha accertato come la donna costringesse una connazionale di soli 16 anni a prostituirsi per strada. La ragazza è riuscita a contattare il padre, che a sua volta ha sporto denuncia riuscendo a far scoprire il posto in cui era nascosta, una casa di San Cristoforo. La minore era entrata in Italia dalla frontiera di Trieste in compagnia di un uomo ed una donna.

Quest’ultima era stata già coinvolta in vicende collegate al fenomeno della prostituzione su strada. La giovane 16enne ha raccontato la sua storia ai poliziotti dichiarando di essere giunta a Catania circa un mese fa a bordo di un’autovettura con targa italiana. Era stata avviata alla prostituzione, contro la sua volontà, per restituire i soldi anticipati dai suoi connazionali per il viaggio in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento