Spacciatore napoletano "a lavoro" in viale San Teodoro

I carabinieri lo tenevano d'occhio da tempo. Era alloggiato in una struttura ricettiva catanese

foto archivio

I carabinieri del Nucleo Operativo di Catania Fontanarossa hanno arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio il 31enne di origini napoletane, ma alloggiato in un b&b, Arcangelo Imparato. L’uomo, già da tempo oggetto di discrete attenzioni da parte dei militari che ben conoscevano la sua "fonte di reddito", è stato arrestato in viale San Teodoro a Librino. I militari avevano notato che i clienti dello spacciatore, secondo un cliché ormai ampiamente collaudato, erano soliti posteggiare l’auto per accedere al civico 8, in cui avveniva l’incontro con il pusher. Attesa quindi l’ennesima cessione di droga, i militari intervenivano rinvenendo la sostanza stupefacente nelle tasche dell’acquirente mentre l’Imparato si dava alla fuga. Ma, purtroppo per lui, è stato acciuffato dai carabinieri. Effettuata un’accurata perquisizione personale, hanno rinvenuto 73 dosi di marijuana e 3 di cocaina, tutte già pronte per essere vendute al minuto, insieme a115 euro frutto dello spaccio. L’arrestato è stato associato al carcere catanese di Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento