Aggredì due donne causando una sparatoria, arrestato pregiudicato

Il pregiudicato P.R. è stato arrestato ieri pomeriggio perchè ritenuto responsabile dei reati di lesioni aggravate, porto illegale di arma comune da sparo e minacce aggravate dopo la sparatoria avvenuta la notte del 7 giugno in via Santa Maria del Rosario

Il pregiudicato P.R. è stato arrestato ieri pomeriggio perchè ritenuto responsabile dei reati di lesioni aggravate, porto illegale di arma comune da sparo e minacce aggravate dopo la sparatoria avvenuta la notte del 7 giugno in via Santa Maria del Rosario. Dalle testimonianze è emerso che un individuo, dopo aver aggredito senza un motivo apparente una ragazza colpendola con un pugno alla testa, a seguito della sua reazione e di altra giovane donna, si allontanava facendo ritorno sul posto, qualche minuto più tardi, armato di pistola.

Dopo aver minacciato le due donne puntando loro in viso una pistola semiautomatica, a seguito dell'intervento in loro difesa di P.A.D., che si frapponeva, esplodeva un colpo che attingeva la vittima alla caviglia. Gli investigatori hanno setacciato in maniera certosina le telecamere di video-sorveglianza di alcune attività commerciali e dalla visione dei filmati è emerso che in orario coincidente con quello indicato dai testimoni un'autovettura BMW si era allontanata dalla zona per poi farvi rientro alcuni minuti più tardi. L'auto in questione risultava intestata a P.R., soggetto che annovera pregiudizi penali per reati contro il patrimonio che in diverse circostanze era stato fermato proprio alla guida del mezzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Il ministro Speranza firma nuova ordinanza: Sicilia ancora "arancione" fino al 3 dicembre

Torna su
CataniaToday è in caricamento