Asec trade, Daniele Bottino: "Il sindaco azzeri il Cda della partecipata"

Secondo il capogruppo di 'Con Bianco per Catania" alcuni componenti del consiglio d'amministrazione non avrebbero i requisiti per ricoprire il ruolo

"Durante il Consiglio Comunale di giorno 13 Novembre, alcuni dei gruppi consiliari di cpposizione hanno scoperto che esiste una partecipata che pensa di prendere decisioni ed iniziative senza chiedere il permesso al Comune di Catania. Questa partecipata è L'Asec Trade". Con queste parole inizia la nota del consigliere comunale Daniele Bottino, capogruppo di Con Bianco per Catania sulla partecipata. "L'azienda in questione infatti ha più volte 'infranto le regole' in diverse occasioni. In primis ha adeguato il proprio Statuto con una delibera di assemblea senza che questo sia passato dal Consiglio Comunale, cosa molto grave - continua la nota -  perché questo è un compito esclusivo del Senato cittadino. Ma oltre questo primo abuso, una volta che Asec Trade ha deciso di adeguare il proprio statuto in assemblea, ha anche recepito tutte le modifiche dell'adeguamento e quindi anche quelle dei requisiti di presidente e consiglieri di Amministrazione".

"Per quello che ci risulta - ha dichiarato Daniele Bottino- alcuni degli attuali componenti del Consiglio di Amministrazione non avrebbero i requisiti per espletare il loro ruolo. Inoltre un altra grave regola infranta come già denunciato da un altro gruppo di opposizione, sta nel fatto che la partecipata Asec Trade ha assunto un lavoratore tramite agenzia interinale,senza passare,chiedere ed avere l'autorizzazione da parte del Controllo Analogo ed inoltre senza manifestazione ed evidenza pubblica. A tutto ciò - continua Bottino - si aggiunge il fatto grave che l'amministrazione, avrebbe appreso e si sarebbe resa conto degli abusi fatti dalla partecipata solo grazie alle denunce in aula ed interrogazioni in commissione, fatte da noi Consiglieri di opposizione. Tutto questo la dice lunga sull'effettivo controllo che l'amministrazione ha sulla sua partecipata e sulle sue scelte ed iniziative. Per tutti questi motivi - tuona Bottino - ritengo sia il minimo chiedere le immediate dimissioni del Cda di Asec Trade o la possibilità che il sindaco possa azzerarlo immediatamente. Inoltre - conclude Bottino - consigliamo al Sindaco di stimolare il proprio assessore al ramo nel vigilare e controllare le società partecipate, che spesso ma soprattutto ultimamente, sembrano società totalmente autonome e non controllate dal Comune di Catania."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Coronavirus, in Sicilia 1.913 nuovi casi e 40 morti: a Catania +486 contagi

Torna su
CataniaToday è in caricamento