Asili nido: stipendi in arrivo, ma continua la protesta

"Crediamo che con 100 bambini in più, ad anno scolastico ormai quasi agli sgoccioli - fa sapere la portavoce Giusy Mavilla- molte di noi saranno mandate a casa".

"Dopo una settimana di occupazione, ieri sera una nostra collega in servizio presso l'asilo nido di via Calipso è stata ricoverata in ospedale a causa di un malore ed oggi è ritornata in servizio. La nostra protesta non si ferma. Nonostante siano arrivate delle rassicurazioni da parte dell'assesore Trojano per il pagamento degli stipendi e l'aumento delle iscrizioni, crediamo che con 100 bambini in più, ad anno scolastico ormai quasi agli sgoccioli, molte di noi saranno mandate a casa. L'inserimento di una ulteriore fascia agevolata non risolve la situazione e vogliamo avere garanzie certe sulla continuità della nostra attività lavorativa". E' quanto dichiarato da Giusy Mavilla, portavoce delle dipendenti delle 3 cooperative di ausiliari in servizio presso gli asili nido comunali, da 7 giorni in protesta per la mancata erogazione delle mensilità arretrate.

“Ho letto sulla stampa – ha commentato lassessore al Bilancio, Giuseppe Girlando – fantasiose ricostruzioni in cui si affermava che il Comune, non avendo disponibilità finanziaria, pagherebbe con notevole ritardo le cooperative sociali che svolgono la loro attività negli asili nido. Forse era così in passato. Oggi l’arretrato è in linea con i tempi normalmente previsti. In dicembre è stata pagata la fattura emessa in ottobre dalla cooperativa. Se non ci fosse stato il Durc negativo presentato dalla cooperativa avremmo potuto già procedere agli ulteriori pagamenti. Il problema mi sembra risieda nelle difficoltà finanziarie della cooperativa capofila che non sono in alcun modo addebitabili all’Amministrazione Comunale”.

L’assessore al Welfare FiorentinoTrojano ha invece confermato che l’amministrazione sta lavorando a una delibera che permetterà di accogliere oltre cento domande per gli asili nido relative a fasce di reddito basse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento