Asili nido, lavoratrici da cinque mesi senza stipendio

Ottanta lavoratrici da dicembre lavorano senza essere pagate. Catania Bene Comune dichiara battaglia

Ottanta lavoratrici degli asili nido comunali di Catania da dicembre scorso non percepiscono lo stipendio, pur garantendo l'apertura di nove strutture che accolgono trecentosessanta bambini dagli zero ai tre anni. Lo evidenzia il gruppo di Catania Bene Comune sottolineando che "È inaccettabile che l'Amministrazione comunale e l'Assessore ai Servizi Sociali consentano che decine di lavoratrici prestino servizio senza avere puntualmente lo stipendio. Sta all'amministrazione garantire che venga rispettato il corretto pagamento di stipendi e contributi. Sindaco e Assessore ai Servizi Sociali hanno il dovere di far procedere immediatamente al pagamento delle spettanze alle lavoratrici impiegate negli asili nido comunali".

"Non ha fine la distruzione del servizio di asili nido del Comune di Catania - continua Catania Bene Comune- . Prima l'aumento delle rette, il passaggio da 15 a 9 strutture e la contestuale esternalizzazione della gestione di due asili, poi la riduzione del personale, privato e comunale, e delle ore di lavoro. Adesso il blocco dei pagamenti e decine di famiglie senza reddito.Chiediamo all'amministrazione comunale di aprire con urgenza un confronto con la cittadinanza e le parti sociali sul futuro del servizio asili nido della città di Catania".

Catania Bene Comune dunque annuncia una vera e propria battaglia accanto alle lavoratrici, con l'obiettivo di ottenere anche la garanzia e l'ampliamento dei servizi di asili nido, la riduzione delle rette e la necessità di garantire tutti i posti di lavoro. "Saremo in piazza con i sindacati - conclude il gruppo - già nel corso delle azioni di protesta previste per il 10 maggio prossimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento