Acireale, asilo nido comunale "Sacro Cuore" vandalizzato il primo giorno di scuola

Il danno economico non è elevato, ma i disagi procurati ricadono sulle spalle dei piccoli e dei genitori

E’ stato un inizio dell’anno scolastico amaro per i piccoli alunni dell’asilo nido comunale "Sacro Cuore" di Acireale. Stamattina all’apertura della struttura di via Pascoli, gli ausiliari hanno fatto la brutta scoperta, trovando la struttura a soqquadro. I ladri hanno portato via materassi dalla sala culle, tappetoni dalla sala giochi, coperte di lana e lenzuola. Hanno danneggiato una porta antipanico, gli armadietti delle maestre e dei pensili della cucina, tagliato i fili del telefono e dell’orologio.

"E’ stato un gesto triste e vile, testimonianza dell’inciviltà con cui siamo costretti a convivere. Il danno economico non è elevato. Tutto dovrà essere sistemato e ripulito prima di riaccogliere i bambini e non potremo prima di giovedì. Qualche balordo -- spiega l’assessore alle Politiche Sociali Adele D’Anna-evidentemente ha voluto danneggiare una delle nostre scuole, recentemente riqualificata e abbellita, e creare disagi ai nostri bambini e alle loro famiglie. Sabato il personale dell’asilo aveva organizzato una meravigliosa festa dell’accoglienza per dare il benvenuto ai 34 bambini iscritti ed era tutto in ordine. Ci auguriamo che episodi del genere non si verifichino più, ma evidente dovremo implementare il sistema di sicurezza dell’asilo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento