Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca

Asp, il Nursind sul piede di guerra: "Gravi carenze di personale"

Il sindacato lancia l'allarme e annuncia lo sciopero in assenza di un incontro con i vertici aziendali

Mancano circa 200 infermieri in pianta organica all’Asp di Catania e aumenta il rischio di errori durante il lavoro. Per questo il personale infermieristico, in agitazione ormai da tempo, ha minacciato sciopero e manifestazioni in piazza se non saranno presi urgenti provvedimenti. In una nota a firma del segretario territoriale Salvatore Vaccaro e del segretario aziendale Francesco Di Masi, il Nursind ricorda la “gravissima e perdurante carenza di infermieri e oss più volte denunciata, anche presso il reparto di Chirurgia generale all’ospedale di Caltagirone”. Il sindacato autonomo maggiormente rappresentativo spiega che “questa situazione espone i lavoratori e i pazienti a un elevato rischio di errori e a problemi di natura assistenziale e igienico sanitaria”. Il Nursind chiarisce che la carenza di personale è legata anche alla previsione del fabbisogno sottostimata: a fronte di una carenza di 218 unità, erano state programmate 46 assunzioni ma solo 24 sono andate in porto, probabilmente compensando mobilità e pensionamenti. Insomma, poco o nulla è stato fatto di concreto ad oggi per potenziare l’organico. “Senza dimenticare la disapplicazione del contratto – aggiungono Vaccaro e Di Masi – su tutta una serie di punti. Dal tempo della consegna e del cambio di divisa alle procedure per gli incarichi di coordinamento, senza dimenticare il passaggio di fascia e il riconoscimento delle indennità di terapia intensiva. Chiediamo un incontro in prefettura per trovare delle soluzioni. Se non si pervenisse a un accordo, siamo pronti a ogni azione opportuna per tutelare il benessere organizzativo delle strutture nell’interesse degli assistiti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asp, il Nursind sul piede di guerra: "Gravi carenze di personale"

CataniaToday è in caricamento