Disagi sull'asse attrezzato: allagamenti, verde abbandonato e spazzatura

L'asse attrezzato collega il corso Indipendenza e l'intero quartiere San Leone all'aeroporto di Fontanarossa e all'autostrada Catania-Palermo, ma i pericoli sull'importante arteria non sono pochi

Collega il corso Indipendenza all'autostrada Catania-Palermo e arriva fino all'aeroporto, l'asse attrezzato è una della strade che gran parte dei catanesi percorre quotidianamente. Lungo l'importante arteria però non mancano i disagi, visibili agli occhi dei cittadini e dei turisti che arrivano in città.  Sul ciglio della strada è possibile osservare spesso cumuli di rifiuti, ma anche cespugli ormai diventati veri e propri "alberi" che limitano la visibilità dei cartelli stradali agli automobilisti.

"Il verde è all'abbandono e il primo tratto dell'asse attrezzato, all'altezza del corso Indipendenza, con poche gocce di pioggia si allaga - ci dice il consigliere comunale e presidente della commissione lavori pubblici Angelo Scuderi -. E' necessario un intervento globale che riporti quest'importante strada ad un livello di sicurezza che, soprattutto gli abitanti di Librino,  chiedono da tempo. Si avvicina l'inverno e l'asse attrezzato diventa sempre più pericoloso".

"L'assessore Cantarella - conclude Scuderi - si è preso l'impegno di risolvere questa problematica e io sono fiducioso, so che questa amministrazione ha a cuore la sicurezza stradale e in breve tempo riporterà la situazione alla normalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento