"Assedio di lavavetri nell'incrocio tra via Giuffrida e viale Sanzio"

La denuncia arriva dal comitato Terranostra. Già in passato Carmelo Sofia, componente del comitato, aveva chiesto ad amministrazione e forze dell’ordine interventi decisivi per risolvere il problema

"Un continuo assedio di lavavetri che, ad ogni semaforo rosso tra il rifiuto degli automobilisti, spesso impongono un 'servizio' non richiesto. Ecco quello che succede quotidianamente all'interno dell'incrocio tra via Vincenzo Giuffrida e viale Sanzio. Fatti noti a tutti. Le ordinanze, la tolleranza zero e i presidi mobili delle forze dell'ordine ieri come oggi non hanno prodotto finora nessun tipo di risultato duraturo. D'altro canto è impensabile militarizzare o blindare gli incroci a Catania dove la presenza dei lavavetri nasconde una realtà fatta di sfruttamento e di guerra tra poveri". A denunciare la situazione è il comitato Terranostra. 

"A febbraio dell'anno scorso infatti l'incrocio di via Vincenzo Giuffrida si trasformò in un vero e proprio ring dove decine e decine di immigrati se le diedero di santa ragione perfino con i bastoni tra lo stupore della gente. Il tutto per conquistare il “territorio” di via Vincenzo Giuffrida. In questo incrocio da anni gli automobilisti preferiscono passare con il rosso, e beccarsi una multa, pur di non fermarsi e subire le continue angherie da parte di squadre perfettamente organizzate che pretendono di pulire i vetri all'automobilista", continua la nota. Già in passato Carmelo Sofia, componente del comitato Terranostra, aveva chiesto ad amministrazione e forze dell’ordine interventi decisivi per risolvere il problema.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Da tempo il nostro comitato denuncia questa situazione di sfruttamento sotterraneo dove si teme che ci possa essere un disegno preciso di un'organizzazione criminale che lucra sulle spalle di uomini che avrebbero bisogno di aiuto da parte delle istituzioni competenti. Per queste ragioni ci appelliamo al Primo Cittadino di Catania affinchè, attraverso una sinergia con organizzazioni sociali e parrocchie, si possa aiutare queste persone, capire le loro necessità, dargli una nuova e dignitosa vita ed eliminare finalmente questo mondo sotterraneo", conclude il comitato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento