Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Un assegno ai volontari di Librino per sconfiggere la criminalità

Con i soldi ricevuti le associazioni Talithà Kum e I Briganti, realizzeranno un laboratorio di informatica e acquisteranno indumenti e scarpe per lo sport

Un assegno di cinquemila euro firmato Sostare per le associazioni di volontariato, Talithà Kum e I Briganti, che operano a Librino. Un segnale forte contro i gravi atti intimidatori avvenuti l’estate scorsa alla Playa che schierano il Comune di Catania in prima linea nella denunzia contro illegalità e criminalità.

E’ avvenuta a Palazzo degli Elefanti la consegna simbolica del sindaco Stancanelli di parte del ricavato dalla gestione dei parcheggi delle spiagge libere comunali da parte di Sostare a cui venne affidato il servizio estivo, dopo l’agguato in cui rischiò la vita Francesco Carlino dapprima aggiudicatario dell’appalto e poi rinunciatario per l’impossibilità dell’impresa a proseguire.

“L’occasione di oggi è il frutto positivo- ha detto Stancanelli- della lotta alle illegalità che Catania ha intrapreso subito dopo i gravi episodi della Playa. Un gesto simbolico, certamente non risolutivo ma che vuole essere un segnale di dichiarata sostenibilità a chi si occupa degli altri e soprattutto la conferma chiara e forte che le istituzioni non si piegano al malaffare e alla sopraffazione”.

Il sindaco durante l’incontro ha sottolineato il sacrificio del geometra Carlino “che ha rischiato la vita e che ora per fortuna è sulla via della guarigione, a cui va la piena solidarietà dell’amministrazione comunale, e che oggi abbiamo voluto fosse con noi per sottolineare come la battaglia di legalità è stata vinta”.

“Sostare – ha detto il presidente Romano- malgrado i danneggiamenti ricevuti per questo servizio, tra cui un’auto bruciata e varie rapine agli operatori ha donato, d’intesa con il Comune, quanto promesso e anche qualcosa in più per riaffermare il diritto e il rispetto del vivere civile”.

Le associazioni Talithà Kum e I Briganti, sono associazioni di volontariato sociale che operano nel quartiere di Librino. Coi fondi assegnati la prima creerà un laboratorio di informatica destinato ai cittadini del quartiere per dare loro una prima alfabetizzazione. I Briganti, che si occupano di avviare e diffondere la pratica del rugby tra i ragazzi di Librino, impiegheranno la somma dei rimanenti 2500 euro per l’acquisto di indumenti e scarpe per lo sport e per il recupero, seppur parziale, del campo San Teodoro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un assegno ai volontari di Librino per sconfiggere la criminalità

CataniaToday è in caricamento