Assistenza ai minori, Cisl: "Far partire il servizio con altre risorse"

"Far partire il servizio con l'impegno delle risorse esistenti in altri fondi per i minori e non ancora tutte utilizzate". È la richiesta avanzata da Cisl, Cisl Scuola e Cisl Funzione Pubblica nell'incontro con l'amministrazione comunale di Catania

"Far partire il servizio con l'impegno delle risorse esistenti in altri fondi per i minori e non ancora tutte utilizzate". È la richiesta avanzata da Cisl, Cisl Scuola e Cisl Funzione Pubblica nell'incontro con l'amministrazione comunale di Catania per l'attività di assistenza ai minori tramite gli istituti educativi.

"L'appuntamento di sabato mattina - dichiarano i segretari generali provinciali Rosaria Rotolo (Cisl), Giuseppe Denaro (Cisl Scuola) e Armando Coco (Cisl Fp) - incontra la nostra richiesta e testimonia la sensibilità del sindaco Bianco verso il mantenimento dei servizi sociali e, quindi, verso le persone che più hanno bisogno di attenzione nella città di Catania. Ribadiamo l'apprezzamento verso l'impegno del sindaco nei confronti dei bambini e dei lavoratori coinvolti nella realizzazione del servizio educativo. Il sindaco ha ampiamente condiviso con noi il rischio sociale per tanti bambini che attualmente non stanno frequentando la scuola a Catania anche a causa del mancato avvio delle servizio educativo. Chiara e dichiarata è stata la volontà dell'amministrazione comunale di dare risposta alla necessità di individuare una soluzione per l'inclusione sociale dei minori e il futuro della città".

"Il confronto riapre - aggiungono - e determina la volontà di continuare a ricercare e trovare immediatamente le condizioni per la ripresa del servizio degli istituti educativi per minori che a Catania coinvolge 1200 bambini in età di scuola dell'obbligo. Considerato quanto previsto all'interno del piano di rientro, che ha permesso al comune di evitare il dissesto, continuiamo a chiedere di far partire il servizio con l'impegno delle risorse esistenti in altri fondi per i minori, e non ancora tutte utilizzate".

A tale scopo, Rotolo, Denaro e Coco chiedono all'assessorato ai Servizi sociali del comune di Catania "la rendicontazione di ogni euro speso e impegnato in relazione alle risorse di tutte le misure pertinenti e/o collegate alle funzioni che svolgono gli istituti educativi assistenziali nel distretto, per garantire trasparenza, legalità, efficienze ed efficacia nei servizi ai cittadini e rispetto delle tutele per i lavoratori del settore. Siamo fiduciosi che a breve grazie al contributo propositivo e responsabile di tutte le parti coinvolte, con la volontà dell'amministrazione riusciremo a trovare soluzione a questa difficile e annosa questione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento