Assolda sicario per uccidere compagno, Pm chiede condanna

Avrebbe assoldato un sicario per uccidere con un'iniezione letale il 10 dicembre del 2002 il compagno che si credeva morto per un infarto

Avrebbe assoldato un sicario per uccidere con un'iniezione letale il 10 dicembre del 2002 il compagno, l'imprenditore catanese Santo Giuffrida, di 60 anni, che si credeva morto per un infarto. E' l'accusa contestata, a quasi 16 anni dal delitto, dalla Procura di Catania alla sua compagna 44enne, Barbara Bregamo, che avrebbe agito con tre complici.

Per lei il Pm Marco Bisogni ha chiesto la condanna a 14 (e non 16) anni e 8 mesi di reclusione per omicidio volontario premeditato, in qualità di mandante, e a 10 anni per un suo presunto complice, Francesco Giuseppe Indorato, 50 anni, accusato di tentativo di omicidio. Il legale dei familiari della vittima, l'avvocato Eugenio De Luca, si è unito alla richiesta dell'accusa. Il processo si svolge col rito abbreviato davanti al Gup Giovanni Cariolo. L'udienza è stata aggiornata al prossimo 21 giugno con le arringhe della difesa, l'avvocato Mirella Viscuso che assiste la donna, e Pieparolo Montalto per l'uomo.

Gli altri due imputati, Antonio Zuccarello, di 52 anni, e Alfio Maugeri, di 45, sono ancora nella fase dell'udienza preliminare, che si terrà domani davanti allo stesso Giudice. A far scattare le indagini dell'operazione 'Circe' dei carabinieri sono state le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Luciano Cavallaro, che si è autoaccusato.

Secondo l'accusa, La donna sarebbe stata anche mandante di un primo tentativo di assassinare dell'uomo, compiuto nel 2001. Avrebbe dato l'incarico a Cavallaro, che avrebbe a sua volta incaricato dell'esecuzione materiale un suo conoscente, Indorato. Quest'ultimo avrebbe aggredito con un coltello la vittima all'interno del suo garage condominiale, ferendolo gravemente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A distanza di quasi un anno dal ferimento, la donna avrebbe nuovamente chiesto a Cavallaro l'uccisione del compagno pagando questa volta 20 mila euro e regalandogli una Bmw. In questa seconda occasione l'omicidio sarebbe stato pianificato con maggior cura e Cavallaro avrebbe coinvolto Maugeri e Zuccarello. La notte tra il 9 ed il 10 dicembre del 2002 i tre, ha ricostruito l'accusa, con la collaborazione della donna, sarebbero entrati in casa di Giuffrida e dopo avergli iniettato una sostanza velenosa, lo avrebbero soffocato. La compagna avrebbe successivamente inscenato la morte naturale dell'imprenditore senza che sorgessero sospetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento