menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assoluzione per due somali accusati di sequestro di persona

In merito all'arresto nel 2017 di due somali, H. M. e A. O., i legali con una nota precisano che "lo scorso 30 settembre, i due sono stati assolti dalla Corte di Assise di Appello di Caltanissetta, perché il fatto non sussiste"

In merito alla notizia pubblicata nell'agosto 2017, relativa all'arresto di due somali, H.M. e A. O., i loro legali - Guido Moschella del Foro di Messina e Monica Catalano del Foro di Catania - con una nota precisano che "lo scorso 30 settembre, i signori Hassan e Ahmed sono stati assolti dalla Corte di Assise di Appello di Caltanissetta, perché il fatto non sussiste. In attesa delle motivazioni della sentenza, è giusto il caso evidenziare che i nostri assistiti erano stati condannati in primo grado esclusivamente sulla scorta delle dichiarazioni della parte civile, ad avviso dei difensori, evidentemente non credibili e contraddittorie. Né vi era agli atti alcun indizio che corroborasse la tesi accusatoria". "L’estraneità ai fatti degli imputati è, ad ogni modo, emersa incontrovertibilmente dall’attività istruttoria svoltasi in secondo grado, tramite l’acquisizione di nuovi documenti, nonché tramite l’escussione di una testimone non reperita in primo grado - spiegano i difensori - Gli imputati avevano sempre sostenuto di aver aiutato e ospitato la donna e la bambina per spirito di solidarietà tra connazionali, senza aver mai chiesto alcunché per tale ospitalità. Le due cittadine somale erano libere di muoversi, come confermato dalla testimone, la quale ha riferito, tra l’altro, di averle spesso incontrate a Piazza Armerina nel periodo in questione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Svegliarsi di notte - I significati secondo la medicina cinese

Alimentazione

Curcuma: proprietà e benefici

Cura della persona

Manicure semipermanente senza lampada - Ecco come

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento