menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ateneo, firmato il contratto integrativo 2013 per il personale tecnico-amministrativo

Pignataro: "Si tratta di un risultato certamente positivo visto che la materia della contrattazione collettiva e integrativa è stata interessata negli anni recenti, da una serie di radicali cambiamenti legislativi che hanno ridefinito, fra l'altro, le relative modalità e materie, nonché la tipologia delle stesse relazioni sindacali"

Lunedì scorso, 17 febbraio, il rettore Giacomo Pignataro e il direttore generale dell’Università di Catania Lucio Maggio, insieme con la Rappresentanza unitaria sindacale e con i sindacati di categoria Flc-cgil, Cisl università, Uil rua, Confsal snals Università/cisapuni, hanno sottoscritto il Contratto Integrativo d’Ateneo 2013 per il Personale Tecnico-Amministrativo. Il precedente contratto integrativo risaliva al 2009

“Si tratta di un risultato certamente positivo – sottolineano le parti -, visto che la materia  della contrattazione  collettiva  e  integrativa  è stata interessata negli anni recenti, da una serie di radicali cambiamenti legislativi che hanno ridefinito, fra l’altro, le relative modalità e materie, nonché la tipologia delle stesse relazioni sindacali”.
Per tali ragioni, è stata effettuata preventivamente un'attenta analisi delle materie che, sulla base della normativa vigente, potevano essere trattate, anche alla luce dell’avvio di una nuova contrattazione nazionale sulle parti normative. Ciò ha indotto per il 2013 a riferirsi solo al trattamento accessorio e alle altre tematiche consentite. Inoltre, il contesto  nel  quale  è stato stipulato  il contratto  integrativo 2013 è  caratterizzato da  un preoccupante de-finanziamento statale dell'Università pubblica, che ha determinato e determina crescenti difficoltà agli Atenei  nel  mantenere o nel  raggiungere quei  requisiti di qualità che pur si richiedono, ma a costo zero.

“Il contratto sottoscritto lunedì scorso – osservano il rettore e il direttore generale -, in relazione alle materie demandate alla contrattazione  integrativa, assume pertanto come obiettivo prioritario la  valorizzazione delle persone, basata sul miglioramento delle competenze professionali possedute e sul contributo che ciascuna unità di personale può apportare al fine di favorire innovazione, efficienza, efficacia e miglioramento dei servizi, competenze e contributo da sottoporre gradualmente e in modo sempre più compiuto ai necessari processi di valutazione. In questo contesto, a maggior ragione risulta altresì di primaria importanza assicurare relazioni sindacali fondate sul  reciproco  rispetto  delle  funzioni  svolte. Finalità strategica è il coinvolgimento pieno di ogni risorsa lavorativa nei processi di crescita del nostro Ateneo, fattore fondamentale dello sviluppo di tutto il territorio nel quale esso opera”.

Infine, i vertici dell’Ateneo hanno voluto rivolgere “un sentito ringraziamento alla rappresentanza sindacale, per il senso di responsabilità e per lo spirito costruttivo dimostrati, e ai funzionari dell’Ateneo per la fattiva opera di collaborazione svolta. Un particolare ringraziamento al prof. Antonio Pioletti, delegato del rettore ai rapporti con il personale tecnico-amministrativo, per l’impegno profuso nella costruzione di positive relazioni sindacali che hanno consentito di raggiungere questo importante traguardo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

  • Cronaca

    Smantellate piazze di spaccio tra Ragusa, Catania ed Agrigento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento