Atti vandalici nelle scuole, Saverino: "Le istituzioni devono vigilare"

"Chiedo al Sindaco e agli assessori al ramo di attivare un tavolo di dialogo con dirigenti e forze dell’ordine per prevenire questi atti di microcriminalità" afferma la consigliera comunale

Porte o cancelli forzati, scalette appoggiate sulle finestre, vetri sfondati e infine libero accesso ai corridoi, alle aule ed ai laboratori. Da anni le scuole periodicamente finiscono nel mirino di vandali e ladri. Presidi di legalità che, in molti quartieri a rischio di Catania, rappresentano l’unica possibilità, per centinaia di ragazzi, di tenersi lontani dalle tentazioni della strada. Siti vittime di raid notturni da parte di teppisti e delinquenti. A denunciarlo è la consigliera comunale Ersilia Saverino, vice presidente alla commissione patrimonio.

"Chiedo al Sindaco e agli assessori al ramo - afferma la Saverino - di attivare un tavolo di dialogo con dirigenti e forze dell’ordine per prevenire questi atti di microcriminalità. Il caso della 'Livio Tempesta' di via Plaia lo scorso settembre è solo l’ultimo episodio di una lunga sequenza che ha visto, in questi anni, il plesso della 'Coppola-De Sactis' di via Ammiraglio Caracciolo, la 'Fontanaross'” e gli asili nido del viale Tirreno e nei pressi del viale Mario Rapisardi  danneggiate da vandali e ladri. A questi bisogna aggiungere anche le ex scuole chiuse, abbandonate e quasi completamente distrutte come la 'Brancati' di Librino, l’ex materna della Livio Tempesta di via Toledo, l’ex 'Padre Santo di Guardo' di via Belvedere, l’impianto di via della Dalia e all’ex succursale della 'Capponi-Recupero' di via Villa Glori". 

"Capitolo a parte spetta poi alla scuola Sante-Giuffrida - conclude la consigliera comunale  - dove al centro delle proteste dei genitori ci sono le prostitute che, appena si fa buio, adescano i clienti quasi davanti l’ingresso dell’istituto. Ecco perché chiedo a tutte le istituzioni interessate la creazione di una cabina di regia che possa realizzare un piano di prevenzione contro i furti, un progetto che assicuri il recupero degli immobili, la protezione dai vandali e dia concrete possibilità di rilancio ad impianti che, oggi, sono per la maggior parte scheletri di cemento armato ma che, domani, potrebbero essere il volto migliore dei quartieri catanesi sempre in bilico tra riscatto e degrado".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento