rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

La nave degli attivisti identitari è ancora in alto mare: "Vogliamo monitorare le Ong"

La C-Star è ancora in navigazione nei pressi del Canale di Suez e c'è grande incertezza sul luogo e sulla data dell'approdo, che potrebbe non essere più Catania

"Non vogliamo assolutamente interrompere le operazioni di salvataggio dei migranti. Se ci troveremo davanti dei barconi che rischiano di affondare siamo pronti a fornire la nostra assistenza, come prevedono le leggi sulla navigazione. Anche se preferiremmo che di queste cose si occupassero persone più competenti in materia di salvataggio".

Lorenzo Fiato, 23enne attivista di Generazione Identitaria, taglia corto sulle tante voci e sulle polemiche che sono circolate sul conto del progetto "Defend Europe". La nave che hanno noleggiato, la C-Star, è ancora in navigazione nei pressi del Canale di Suez e c'è grande incertezza sul luogo e sulla data dell'approdo, che potrebbe non essere più Catania.

RETE ANTIRAZZISTA CATANESE: "NON PERMETTERE L'APPRODO DELLA C-STAR"

"Il nostro obiettivo è monitorare l'operato delle Ong in acque internazionali. Abbiamo ragione di credere che i sospetti del procuratore etneo Carmelo Zuccaro siano fondati. Riporteremo qualsiasi azione illecita, come ad esempio i presunti rapporti con gli scafisti ed i 'trasponder' che ad un certo punto vengono spenti. La nostra barca ha un equipaggio disarmato formato da professionisti ed ospiterà dodici attivisti provenienti da Italia, Francia, Austria e Germania".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nave degli attivisti identitari è ancora in alto mare: "Vogliamo monitorare le Ong"

CataniaToday è in caricamento