Crocetta e l'auto blu ferma a Bruxelles, Musumeci: "E' uno spreco"

Musumeci: "L'ufficio di rappresentanza della Regione Siciliana a Bruxelles è uno spreco di denaro pubblico, circa un milione di euro l'anno. Inoltre il presidente della Regione ha fatto inviare un'auto blu che sta ferma e non ha neanche l'autista"

"L'ufficio di rappresentanza della Regione Siciliana a Bruxelles è uno spreco di denaro pubblico, circa un milione di euro l'anno. Quindi va chiuso, perchè inutile e costoso. Inoltre il presidente della Regione, Rosario Crocetta, ha fatto inviare un'auto blu che sta ferma e non ha neanche l'autista''.

Lo dice il deputato regionale Nello Musumeci che ha presentato con altri parlamentari regionali alcuni emendamenti alla Finanziaria, per "ridimensionare la sede estera siciliana in un graduale processo che dovrà portare alla sua chiusura".

"Che senso ha - aggiunge Musumeci - tenere una sede regionale a Roma ed un'altra a Bruxelles? Noi proponiamo, con i nostri emendamenti, che venga soppresso il dipartimento Affari extraregionali e che i due uffici costituiscano un unico servizio del dipartimento della Programmazione, con un solo dirigente responsabile che abbia sede a Roma. L'appartamento nella capitale belga, invece, dovrebbe essere occupato da un massimo di quattro impiegati, anche esterni o tirocinanti, a tempo determinato e senza indennità di servizio all'estero. Il resto dell'appartamento (esteso ben 750 metri quadri) dovrebbe essere dato in uso, a titolo oneroso, ad enti e soggetti rappresentativi di interessi siciliani, magari mediante apposite convenzioni. La soluzione migliore, secondo noi, sarebbe quella di mettere in vendita l'immobile, costato alla Regione quattro anni fa 2 milioni e 700mila euro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento