Auto rubate, scoperta centrale di ricettazione

Denunciato un pregiudicato catanese di 28 anni che aveva allestito un'autorimessa con tanto di officina ed attrezzatura idonea alla trasformazione delle vetture

I carabinieri di Mascalucia hanno denunciato il catanese N.D. di anni 28, già gravato da precedenti specifici, poiché ritenuto responsabile di ricettazione e riciclaggio. Al termine di una approfondita attività info-investigativa, i militari hanno fatto irruzione in quel garage di via Pablo Picasso, locale nella piena disponibilità del giovane pregiudicato, dove lo stesso aveva allestito una vera e propria centrale del riciclaggio di auto rubate, con tanto di officina ed attrezzatura idonea alla trasformazione delle auto e la loro reintroduzione in una sorta di mercato “parallelo”.

Durante la perquisizione del locale gli operanti hanno rinvenuto e sequestrato: Una Smart For Two, priva di targa, rubata a Massarosa (LU) il 29.11.2018; una Fiat 500 Abarth, priva di targa, rubata nel capoluogo etneo il 10.2.2019; una Fiat Panda, priva di targa, rubata sempre a Catania l’11.2.2019; un'Audi A4, priva di targa, rubata a San Gregorio di Catania il 20.1.2019; 63 centraline elettroniche appartenenti a diversi marchi e tipo di autovetture, nonché numerosi documenti di circolazione.

Al termine delle operazioni l’intero garage è stato posto sotto sequestro, mentre nei prossimi giorni, dopo i dovuti approfondimenti, la autovetture saranno restituite ai legittimi proprietari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Reddito di cittadinanza e falsa disoccupazione: indagata la neomelodica Agata Arena

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

Torna su
CataniaToday è in caricamento