Estorsioni, Procuratore Patanè: "Vittime Adrano collaborino"

"Non si puo' pensare di accertare gli illeciti solo indirettamente con intercettazioni ed indagini. Un processo per estorsione in cui la vittima non denuncia e non collaborano e' pressoche' impossibile portarlo avanti"

"Non si puo' pensare di accertare gli illeciti solo indirettamente con intercettazioni ed indagini. Un processo per estorsione in cui la vittima non denuncia e non collaborano e' pressoche' impossibile portarlo avanti". Lo ha affermato, parlando con i giornalisti durante la conferenza stampa nella quale sono stati illustrati i particolari dell'operazione "Time out", che ha consentito alla Polizia di Stato di decapitare i vertici del clan Scalisi operante ad Adrano, il Procuratore facente funzioni di Catania Michelangelo Patane', che ha rivolto un appello a commercianti ed operatori economici de paese: "Seguire - ha detto - il buon esempio che si registra in altre citta': partecipazione ad associazioni antiracket ed antiusura e collaborazione con le istituzioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante l'incontro e' stata evidenziata la mancanza di collaborazione da parte delle vittime di estorsioni. "Purtroppo ad Adrano - ha aggiunto Patane' - si e' dovuto registrare questo triste fenomeno: vi sono le estorsioni e queste organizzazioni criminali che hanno continuato le loro attivita' illecite ma mancano le denunce delle vittime di commercianti ed operatori economici". "L'indagine e' stata compiuta soltanto sulla base di accertamenti tecnici ed intercettazioni ed indagini di polizia - ha aggiunto Patane' - ma e' mancato il contributo del cittadino salvo per due casi, in cui due vittime hanno denunciato l'estorsione subita". "Diversamente ad Adrano - ha proseguito - non si registra questa buona abitudine che invece si registra in altre citta' dove si sono costituite associazioni antiracket, dove vi e' una certa sensibilita' sociale e partecipazione del cittadino questa lotta per contrastare questo predominio delle organizzazioni criminali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Cancro al colon-retto, nuova tecnologia per la diagnosi precoce

  • Dopo una festa alla Playa accusa i sintomi del Coronavirus, minorenne positivo in isolamento domiciliare

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si scava nel mondo della droga per cercare il movente

  • Coronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza: cosa cambia adesso in Sicilia

  • Aeroporto, hostess con febbre: attivata la procedura di biocontenimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento