Avviato ciclo di incontri per prevenire e contrastare abusi sui minori

L'obiettivo è fornire ai docenti, ma anche alle famiglie degli studenti, gli strumenti utili a identificare i primi segnali di eventuali violenze

Promuovere l'attività di informazione finalizzata a prevenire e contrastare i maltrattamenti e gli abusi sui minori è la mission del ciclo di incontri programmato per le scuole cittadine dall'assessorato alla Pubblica Istruzione, retto da Barbara Mirabella, in collaborazione con l'Istituto di Scienze neurologiche del Cnr di Catania, e avviato nei giorni scorsi negli istituti Brancati e De Amicis.

Le attività hanno l'obiettivo di fornire ai docenti, ma anche alle famiglie degli studenti, gli strumenti utili a identificare i primi segnali di eventuali violenze per favorire interventi efficaci di contrasto al fenomeno che spesso rimane sommerso e, nell' 80% dei casi, avviene tra le mura domestiche.

Gli incontri sono tenuti da Enrico Parano, responsabile scientifico del progetto e neurologo pediatra del Cnr, Vito Pavone, docente di Ortopedia e traumatologia dell'Università di Catania, e da Xena Pappalardo, ricercatrice biologa del Cnr. Il percorso progettuale, coordinato dall'ufficio Scuola dell'Obbligo e attività parascolastiche della direzione Pubblica Istruzione, è stato attivato dai presidi Felice Arona (Brancati) e Maria Marino (De Amicis), e sarà accolto, nelle prossime settimane, dai dirigenti di altri istituti scolastici che hanno aderito all'iniziativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento