Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Caso ufficio stampa e portavoce del Comune, Gus: “Non ci sono incompatibilità”

Francesco Di Parenti, presidente regionale del Gus, Gruppo uffici stampa del sindacato dei giornalisti di Assostampa, è intervenuto sulla vicenda dei giornalisti portavoce personali del sindaco di Catania, Enzo Bianco

Francesco Di Parenti, presidente regionale del Gus, Gruppo uffici stampa del sindacato dei giornalisti di Assostampa, è intervenuto sulla vicenda dei giornalisti portavoce personali del sindaco di Catania, Enzo Bianco.

“Negli attacchi, di inaudita violenza, portati a questi professionisti – ha dichiarato Di Parenti – sono state citate leggi e norme stravolgendole ad arte. È del tutto falso, per esempio, che vi sia incompatibilità tra l’incarico di portavoce personale, che configura un rapporto libero professionale, e altri contratti non esclusivi. L’esclusività alla quale si è fatto, strumentalmente, riferimento è invece quella prevista dalla legge 150 del 2000, per la figura del portavoce istituzionale, che in Sicilia deve essere un giornalista”.

“Quel che però non viene detto – ha spiegato il presidente del Gus – è che la figura del portavoce istituzionale è stata cancellata, a parer nostro contra legem, dal passato Consiglio comunale di Catania nel febbraio del 2013. E questo dopo che, nel 2011, l’Amministrazione Stancanelli aveva fatto sparire dalla pianta organica, in maniera altrettanto immotivata, tre posti di giornalista dell’Ufficio stampa e inventato una costosa figura ibrida a metà tra il giornalista e il burocrate”.

“Questa autentica pulizia etnica di giornalisti all’interno del Comune di Catania è figlia della mentalità di certi politici i quali rifiutano l’intervento professionale di un giornalista, che impedirebbe loro di sostenere tesi in palese contrasto con la realtà, come nei casi citati, inviando personalmente comunicati stampa in violazione della legge 69 del 1963. E dichiarazioni contenenti notizie prive di fondamento vengono spesso pubblicate senza alcun intervento critico e persino senza contestuale replica”.

“Per tutti questi motivi – ha concluso Di Parenti – non comprendiamo come si possa contestare la scelta di Enzo Bianco di servirsi di giornalisti da lui personalmente retribuiti, ma chiediamo al sindaco di Catania un incontro urgente per individuare i percorsi che consentano di sanare la ferita aperta lasciata dalla precedente Amministrazione in tema di informazione e comunicazione istituzionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso ufficio stampa e portavoce del Comune, Gus: “Non ci sono incompatibilità”

CataniaToday è in caricamento