Cedimenti della Darsena del Porto? La Capitaneria: "Si tratta solo di verifiche"

Conferenza stampa per smentire una notizia riportata da alcuni media riguardo presunti cedimenti della Darsena del Porto e chiarire che non vi è stato alcun cedimento, ma solo alcune verifiche In vista del prossimo e finale collaudo tecnico amministrativo dell’opera

foto sicilia24live

Si è tenuta ieri la conferenza stampa indetta con urgenza dal commissario Straordinario Cosimo Indaco e l’Ammiraglio Nunzio Martello, Direttore Marittimo della Sicilia Orientale per smentire una notizia riportata da alcuni media riguardo presunti cedimenti della Darsena del Porto. Alla conferenza hanno preso la parola l’Ammiraglio Nunzio Martello, il Commissario Straordinario dell’Autorità Portuale Cosimo Indaco ed il Direttore dei lavori per l’Autorità Portuale Pietro Viviano, chiarendo che non vi è stato alcun cedimento, ma solo alcune verifiche In vista del prossimo e finale collaudo tecnico amministrativo dell’opera.

"L’Autorità Portuale, di concerto con la Direzione dei Lavori il Provveditorato Interregionale OO.PP. Sicilia e Calabria e il Rina Check (società incaricata della supervisione alla direzione dei lavori), ha programmato alcune attività di verifica, sia dirette che indirette - si legge nella nota Autorità Portuale di Catania-  sull’intera opera inclusa la pavimentazione della banchina di riva della nuova darsena commerciale. In esito a tali accertamenti si è riscontrata la presenza di una discontinuità nel materiale di sottofondo. Si è resa, quindi, necessaria la rimozione di un tratto di pavimentazione di circa 700 mq., che corrisponde a meno dell’1% della superficie complessiva dell’opera".

Tale rimozione ha consentito di riscontrare alcuni vuoti nel sottofondo di sabbie in posto, creatisi, presumibilmente, a causa di un punto di sifonamento a tergo dei cassoncini antiriflettenti che ha determinato la fuoriuscita del materiale di riempimento, che, come si è potuto rilevare a mezzo di immersione subacquea, si trova depositato al piede della banchina. "Ciò premesso, si è subito provveduto ad attivare i necessari accertamenti ed approfondimenti, cui seguiranno i pertinenti interventi di ripristino, la ricollocazione del sottofondo e il ripristino della continuità della pavimentazione, che si conta di completare entro circa un mese, con oneri interamente a carico della ditta appaltatrice. Per l’esecuzione in sicurezza delle attività di accertamento, è stata disposta l’interdizione delle banchina n. 33 e 34, che verrà revocata entro pochi giorni una volta completate le relative indagini. Si tiene a precisare che non vi è stato alcun cedimento strutturale e che un’oculata programmazione degli accosti concertata con la Capitaneria di Porto ha garantito il regolare funzionamento delle linee di navigazione in atto operanti in porto, senza alcuna ripercussione sul traffico traghetti. Tutte le attività di verifica e sorveglianza sull’intervento di ripristino in corso sono costantemente monitorate dalla Direzione dei Lavori dall’Ufficio del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche e supervisionate dal Rina Check di concerto con l’Autorità Portuale e la Capitaneria di Porto. Tale chiarimento si è reso necessario al fine di fornire gli elementi e i riscontri oggettivi da veicolare ai mass media per consentire una corretta informazione all’opinione pubblica", conclude la nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento