Autolavaggio sversava acque reflue nel terreno: scatta il sequestro

L'autolavaggio in questione è lo “Speedy Wash” di via Della Regione 94, a Macchia di Giarre

I carabinieri di Macchia di Giarre hanno denunciato quattro persone, di cui i due proprietari, il gestore e un operaio di un autolavaggio, ritenuti responsabili della violazione delle norme ambientali inerenti gli scarichi  e la tutela delle acque dall’inquinamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari hanno avuto accesso ai locali dell’autolavaggio, lo “Speedy Wash” di via Della Regione 94, dove si è potuto accertare come l’impianto, oltre ad essere sprovvisto dell’autorizzazione allo scarico delle acque reflue, sversasse i  residui derivanti dal lavaggio dei veicoli senza alcun controllo e depurazione, direttamente nel terreno limitrofo sempre di proprietà dei due congiunti. Il fondo agricolo e l’autolavaggio sono stati sottoposti a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento