Automobilista picchiato a Picanello, individuata anche la bici rubata e "usata" per la truffa

Grazie alle immagini diffuse dalla polizia il proprietario del mezzo rubato lo ha identificato: alla sfilza di reati si aggiunge anche il furto

Si è conclusa la vicenda che visto coinvolto, in una vera e propria odissea criminale, un automobilista che si era trovato ad avere a che fare con un tentativo di truffa all'assicurazione e che aveva anche subito un pestaggio, ad opera di una famiglia che era divenuta una vera e propria associazione a delinquere.

I fatti sono avvenuti nel quartiere di Picanello, dove un giovane pregiudicato è rimasto “coinvolto” in un incidente stradale, mentre si trovava a bordo di una bicicletta elettrica. Gli agenti del commissariato Borgo Ognina, dopo le indagini che hanno portato all’arresto dei genitori del giovane pregiudicato e alla denuncia per numerosi e gravi reati, sono risaliti all’individuazione del proprietario della bicicletta elettrica utilizzata per la tentata truffa.
Grazie alle immagini del veicolo pubblicate sugli organi di stampa, infatti, l’effettivo proprietario ha riconosciuto il mezzo di cui aveva denunciato il furto lo scorso 29 marzo. Da qui è scattata un’ulteriore denuncia a carico del minore A.G. il quale, adesso, dovrà anche rispondere del reato di ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento