Torna "l'autopompa in corsia", i vigili del fuoco nei reparti pedriatrici

L'iniziativa è nata spontaneamente qualche anno fa dalla volontà di un gruppo di vigili del fuoco di Catania, di dedicare una parte del proprio tempo libero a donare un sorriso ai bambini

Il reparto pediatria dell'Ospedale "Garibaldi Nesima" ed i reparti di Oncologica pediatrica, Day Hospital Oncologia, Clinica pediatrica e Pneumatologia pediatrica del Policlinico Universitario di Catania sono stati pacificamente "invasi" da decine di "Babbo Natale" in divisa da vigile del fuoco. L'iniziativa benefica "Un'autopompa in corsia", è nata spontaneamente qualche anno fa dalla volontà di un gruppo di vigili del fuoco, in servizio al comando provinciale di Catania, di dedicare una parte del proprio tempo libero a donare un sorriso ai bambini che, loro malgrado, popolano i reparti pediatrici degli ospedali ed altri luoghi protetti a loro dedicati. Così, in alcuni momenti dell'anno, come in occasione delle festività natalizie, un sempre più nutrito gruppo di vigili del fuoco (quest'anno complessivamente ben oltre il centinaio), liberi dal servizio si recano da questi bambini portando loro regali di ogni genere a bordo di un modellino di Auto Pompa Serbatoio (APS) realizzato rivestendo in polistirene, adeguatamente sagomato e colorato, un carrello della spesa. Quest'anno, per la prima volta, il progetto ha assunto una dimensione regionale ed è stato realizzato anche da vigili del fuoco in servizio nei Comandi Provinciali di Siracusa, Palermo e Trapani. Nei prossimi giorni saranno raggiunti, dai "Vigili del Fuoco/Babbo Natale", anche i reparti pediatrici delle strutture ospedaliere "Santa Marta e Santa Venera" di Acireale e "Gravina" di Caltagirone. I regali sono frutto di donazioni spontanee degli stessi vigili del fuoco partecipanti al progetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento