Autorità portuale: false fatture, annullato sequestro beni al presidente

I beni sequestrati erano del valore di 27mila euro ed il provvedimento era stato emesso dal Gip nei confronti di Andrea Annunziata indagato per peculato

Il tribunale del riesame di Catania, accogliendo la richiesta degli avvocati Attilio Floresta e Angelo Pennisi, ha annullato il sequestro di beni per 27mila euro emesso dal Gip nei confronti del presidente dell'Autorità Portuale etnea, Andrea Annunziata, indagato per peculato.

Secondo i giudici della quinta sezione penale, presieduta da Giuliana Sammartino, il dissequestro va disposto perché "non residua il 'fumus boni iuris'" del reato "così come contestato all'Annunziata", che resta sospeso per altri otto mesi. Contro questa parte del provvedimento del Gip è pendente un appello.

Dalle indagini della Guardia Costiera, coordinate dalla Procura distrettuale, sarebbe emerso che l'indagato avrebbe "ripetutamente utilizzato a fini personali i fondi" dell'Ente tramite "falsi mandati di pagamento" per "rimborso spese e trasferte" per complessivi 27mila euro, somma per cui era stato disposto il sequestro. Secondo la Procura sarebbero stati "indebitamente emessi a favore del presidente e di persone estranee all'Ente Portuale che avrebbero partecipato, senza averne alcun titolo, a trasferte in Florida".

"Da un'incompleta documentazione del pubblico dipendente - ha osservato il Tribunale del Riesame - non può automaticamente trarsi la prova del peculato, incombendo sulla pubblica accusa provare l'indebita destinazione a fini privati del denaro utilizzato per fini pubblicistici. E, a ulteriore insussistenza dell'ipotesi accusatoria, non veniva neppure allegato alcun motivo per cui l'organo amministrativo avrebbe accolto le richieste di rimborso dell'Annunziata se ritenute indebite o non adeguatamente giustificate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento