Autorità portuale: false fatture, sospeso presidente

Andrea Annunziata è indagato per peculato, falsità materiale e ideologica commessa in atti pubblici e abuso di ufficio

Sospensione di nove mesi per il presidente della Autorità di sistema porturale del mare della Sicilia Orientale Andrea Annunziata. Quest'ultimo è indagato per peculato, falsità materiale e ideologica commessa in atti pubblici e abuso di ufficio. Dalle indagini della Guardia Costiera sarebbe emerso che avrebbe "ripetutamente utilizzato a fini personali i fondi" dell'Ente tramite "falsi mandati di pagamento" per "rimborso spese e trasferte" per complessivi 27mila euro, somma per cui è stato disposto il sequestro.

La sospensione è stata disposta dal gip di Catania accogliendo la richiesta della procura. Secondo le accuse sarebbero stati "indebitamente emessi a favore del presidente e di persone estranee all'Ente Portuale che avrebbero partecipato, senza averne alcun titolo, a trasferte in Florida".

Inoltre sarebbero state sottrare risorse per indirizzarle a fini privati. Tra le accuse mosse dalla procura anche l'impiego da parte di Annunziata di uno dei dipendenti dell'Autorità portuale, quale personale tuttofare che invece era stato assunto dall'ente con tutt'altra qualifica e incarico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento