Aveva allestito posto fisso di spaccio: in manette pusher

I carabinieri della compagnia di Acireale hanno arrestato il 40enne Emanuele Cubeda. L’uomo aveva di fatto eletto il suo domicilio lavorativo nella via Antonino Bonaccorsi

I carabinieri della Compagnia di Acireale hanno arrestato il 40enne Emanuele Cubeda, del posto, perché resosi responsabile di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L’uomo aveva di fatto eletto il suo domicilio lavorativo nella via Antonino Bonaccorsi, con grande disappunto dei residenti e commercianti che, loro malgrado, assistevano ad un triste viatico di giovani assuntori di droga che lo avevano prescelto come loro fornitore. I militari pertanto avevano posto sotto osservazione il Cubeda che, tra l’altro, svolgeva la sua lucrosa e turpe attività nonostante fosse già recidivo e gravato dalla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno.

Consapevoli degli orari e delle sua modalità di occultamento della droga, i carabinieri si sono appostati nell’attesa del pusher che non è tardato ad arrivare. L'uomo è stato notato armeggiare sulla strada all’interno di un vano, protetto da uno sportello che ospita un contatore dell’acqua nonché, a distanza di circa due metri, all’interno di una cavità ricavata su un muro di recinzione. I militari hanno deciso d’intervenire allorquando l’uomo stava per salire a bordo dell’autovettura della fidanzata, quindi, dopo aver effettuato un’accurata ricerca all’interno del vano protetto dallo sportello, hanno rinvenuto circa 5 grammi di marijuana già confezionata in involucri d’alluminio pronti per la vendita al minuto mentre, nonché in una cavità muraria posta a poca distanza, hanno inoltre trovato ulteriori 30 grammi circa della medesima sostanza stupefacente, oltre alla carta stagnola utilizzata per il confezionamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento