Azienda vitivinicola di Linguaglossa costretta a un prestito usuraio

L'uomo arrestato, ha prestato al titolare dell'azienda somme di denaro, per un importo di 500.000 euro, con un interesse usuraio pari a 36% annuo

I Carabinieri di Piazza Dante hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania nei confronti di G.D., 55enne pregiudicato catanese, per usura aggravata in concorso e tentata rapina.

L’ordinanza scaturisce da un’attività info-investigativa condotta dai Carabinieri che ha permesso di accertare che G.D., nel periodo 2007-2009,  ha prestato con continuità ad un titolare di un’azienda vitivinicola di Linguaglossa delle somme di denaro, per un importo di 500.000 euro, con un interesse usuraio pari a 36% annuo, per un ammontare complessivo di euro 122.000, costringendo la vittima a sottoscrivere un contratto preliminare di vendita della sua azienda, del valore di 750.000 euro, come garanzia del prestito usuraio.

Durante l’operazione, su disposizione del Procuratore Aggiunto Zuccaro e  del Pubblico Ministero Natale, sono stati sequestrati beni immobili  di proprietà dell'arrestato  ed il contratto di compravendita dell’azienda già menzionato.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • "Sono uscito per vendere droga", lo dichiara nell'autocertificazione: arrestato

  • Coronavirus, l'avanzata resta costante: in Sicilia 73 nuovi casi, a Catania +30

  • Coronavirus, numerose segnalazioni di gente in giro: immunità di gregge o incoscienza?

  • Coronavirus, frenata dei contagi in Sicilia con +71 rispetto a ieri: a Catania solo +3

  • Coronavirus, sospeso avvio della stagione balneare

Torna su
CataniaToday è in caricamento